Topic-icon Aiuto con stampo

Di più
1 Anno 5 Mesi fa #51 da calga
calga ha creato la discussione Aiuto con stampo
21 marzo 2008 alle 18:18:23 Profilo - BiagioInvia un messaggio privato Rispondi quotando Buongiorno e ben trovati, mi sono registrato da poco, e questo è il mio primo messaggio. Desideravo ricevere un parere a proposito di come poter fare un calco per riproduzione in serie in argilla di una statuetta di 9 cm, di creta semi-fresca, che presenta qualche sottosquadro (ad es. le braccia; le gambe non sono un problema, dato che l'oggetto ha la gonna).
Non posso farvi rendere conto dell'entità della cosa, dato che qui non vedo la possibilità di allegare immagini; ma diciamo che il problema che mi pongo è: si può usare solo il gesso per lo stampo con creta liquida, oppure c'è qualche altra soluzione? E inoltre: in ogni caso, mi conviene comunque separare le braccia e tirarne degli stampi a parte?
Scusate l'eventuale stupidità delle domande, ma sono neofita, ed ho trovato ben poco sull'argomento specifico; non riesco ad immaginare una soluzione da solo, senza rischiare di rovinare tutto.

Grazie a chiunque avrà la bontà di rispondere.
Saluti.
29 marzo 2008 alle 23:51:39 Profilo - primoInvia un messaggio privato Rispondi quotando La creta la puoi stampare solo su gesso o materiale capace di assorbire l'acqua in ogni caso non adatto per sottosquadra, devi ricorrere ai tasselli.
31 marzo 2008 alle 11:37:03 Profilo - ELVIS-PInvia un messaggio privato Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Rispondi quotando
Modificato il 31 marzo 2008 alle 11:38:38 "La creta la puoi stampare solo su gesso o materiale capace di assorbire l'acqua in ogni caso non adatto per sottosquadra, devi ricorrere ai tasselli."

La creta la puoi stampare solo su gesso o con materiale in grado di assorbirte l'acqua?
E chi l'ha detto?

Il sistema del calco "fisso" in gesso per riprodurre copie in argilla a pressione, a colaggio, con tasselli ecc. ecc. è stato ampiamente superato dai materiali gommosi e gomma/resinosi che si presentano molto più versatili del gesso (e anche notevolmente più costosi).
Se nel modellare un primo "prototipo" in creta (lasciandolo poi asciugare a durezza quoio), bisognava fare attenzione ai sottosquadra per poterne ricavare un calco in gesso che non si bloccasse, oggi è sufficiente utilizzare le resine gommose (e trasparenti) separando il calco in almeno due metà e, la presenza di eventuali sottosquadra non comporterebbero troppi problemi, in quanto il calco in gomma/resina presenta un'elasticità tale da non agganciare, nè bloccare gli oggetti in argilla (problema che invece si verifica con il gesso).
Gianpiero
06 aprile 2008 alle 22:16:08 Profilo - primoInvia un messaggio privato Rispondi quotando ELVIS-P, quando introduci la creta morbida nello stampo non assorbente, come fai poi ad aprirlo se la creta resta aderente alle pareti per non aver ceduto l'acqua e quindi avvenuto il ritiro?
19 maggio 2008 alle 18:45:42 Profilo - BiagioInvia un messaggio privato Rispondi quotando
Modificato il 19 maggio 2008 alle 18:48:00 Scusate se non avevo risposto nè dato un seguito, ma ho formattato subito dopo, e non ho più ritrovato i dati d'accesso (nè ho ricevuto notifiche sulla mia posta).
Comunque, grazie a quanti finora hanno risposto, sebbene non mi pare chiaro quale tecnica usare. In che modo gli stampi che non siano di gesso potrebbero far sortire fuori un modello asciutto, dato che il prerequisito per cui si è sempre usato il gesso è che questo asciuga l'acqua contenuta nella barbottina colata in esso?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.070 secondi