Carrara Marble Weeks

15. 06. 15
posted by: Damiano Calgaro
Visite: 2064

"Carrara sottolinea, anche con questa edizione di Marble Weeks, la sua caratteristica che la rende unica: riuscire a realizzare un evento che ha come elemento centrale il marmo con le sue infinite declinazioni e i suoi legami con la città. L'edizione che inaugureremo giovedì 18 giugno ha una caratteristica del tutto nuova, che testimonia la capacità di rinnovarsi per dare alla città, e a chi vuole visitarla, nuovi stimoli e nuove suggestioni".

Il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani, ha definito così, presentandola alla stampa, la quinta edizione di Carrara Marble Weeks, l'evento che è entrato a pieno titolo fra gli appuntamenti dell'estate offrendo l'opportunità di conoscere Carrara e la sua cultura, ma anche la sua capacità di confrontare la sua tradizione millenaria e il suo rapporto con il marmo con nuove conoscenze e visioni inedite dell'arte e del design.

 

"Sarà un'edizione basata su una formula "aperta" perché avrà vita autonoma, ma sarà anche un grande contenitore che farà anche da cornice a mostre e iniziative che si apriranno nel corso delle prossime settimane e si sommeranno ad altre già in atto. Anche così Carrara dimostra di essere in grado di produrre autonomamente eventi che hanno al centro il marmo, la sua cultura, la storia, le capacità diffuse, perché questo è un patrimonio che sta nella disponibilità collettiva come dimostra la partecipazione di giovani designer, scultori e Atelier, un'eccellenza tutta nostra, che propongono tanti modi diversi di interpretare il marmo e di renderlo vivo e attuale".

Carrara Marble Weeks 2015 aprirà il dialogo con la città allestendo diverse aree tematiche che saranno caratterizzate da installazioni, mostre:

L'Area dell'arte che comprende piazza d'armi, via Verdi, piazza XXVII aprile, la Chiesa delle Lacrime ed avrà come baricentro Piazza Duomo;

L'area dell'architettura che comprende piazza dell'Accademia, piazza delle Erbe, Corso Rosselli con al centro Piazza Alberica;

L'area dell'Innovazione e del Design con iniziative e mostre in via Beccheria, via Carriona, Ponte delle Lacrime ed ha come baricentro lo Spazio Paretra.

"Abbiamo confermato il consueto impegno organizzativo – dice il presidente di IMM/CarraraFiere Fabio Felici – ponendoci un obiettivo: stimolare il dialogo fra la Città e il Marmo, il materiale nobile che la rende unica, perché siamo convinti che muovendo da questa certezza, Carrara può rafforzare un percorso che riaffermi la sua capacità di presentarsi come la città delle competenze e delle conoscenze legate al marmo. In questo lavoro, che non è né semplice né facile, IMM e CarraraFiere possono avere un ruolo importante."

Ha invece illustrato nel dettaglio le attività di CarraraFiere il direttore Luca Figari sottolineando che "si è lavorato per costruire un evento a misura di tutti che si arricchisce e si intreccia anche con altre attività. Questa settimana, e in concomitanza con Carrara Marble Weeks, si svolgerà in fiera la Festa dell'Architetto organizzata dal Consiglio Nazionale degli Architetti, durante la quale si parlerà anche di marmo oltre che di politiche e strategie per la riqualificazione del territorio italiano con l'intenzione di affrontare temi alti in una fase particolare nella nostra storia. Affrontando questi temi si gettano le basi per dare stimoli al territorio e sostenerlo per raggiungere un obiettivo comune: recuperare la propria centralità. È un ruolo che abbiamo puntato a riaffermare anche organizzando in collaborazione con Assindustria un incoming di 20 architetti stranieri che vengono da Stati Uniti, Regno  Unito  e  Svezia. Nei giorni di permanenza a Carrara visiteranno le aziende del territorio che  hanno  aderito  a questa iniziativa e il 19  giugno  (alle  21, alla Camera di Commercio) faremo dialogare queste "Archistar" con una tavola rotonda che metterà a confronto architetti  americani  e italiani e le loro rispettive visioni dell'uso del marmo oltre che dell'architettura".

Carrara Marble Weeks è promossa dal Comune di Carrara con Camera di Commercio e Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara ed è organizzata da IMM/CarraraFiere con il contributo di AMIA ed ERP impegnati  tutti  insieme su un obiettivo: comunicare la cultura del marmo valorizzando la Città come patrimonio comune, ospitando attività nuove che si confrontano con il passato e con il presente.

"È un'edizione di qualità che mette Carrara al centro dell'attenzione di chi ama l'arte e, più in generale, la cultura in tutte le sue manifestazioni. La Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara – ha detto il presidente Alberto Pincione – ha voluto essere partecipe non solo sostenendo l'evento ma organizzando anche una grande mostra Pittura fra Toscana e Liguria nel Seicento a Palazzo Binelli con 22 Capolavori messi a disposizione da Istituti e Fondazioni Bancarie Italiane, perché siamo convinti, e non solo per ruolo istituzionale, che investire in cultura sia sempre una scelta che garantisce ricadute importanti".

L'impianto progettuale di Carrara Marble Weeks si snoda non solo su percorsi d'arte, installazioni, sculture, design, ma prevede anche mostre, musica, eventi culturali con un programma che coinvolgerà ospiti e residenti che potranno vivere attivamente la città con i palazzi e le piazze storiche gli spazi conosciuti e i luoghi meno frequentati, di giorno come la sera.

"La filosofia progettuale di Marble Weeks vuole offrire l'opportunità di vivere un'emozione, di "sentire" la bellezza dell'architettura e dell'arte, quella di ieri e quella di oggi, attraverso  la scultura, la pittura, la contemplazione delle opere del passato, le meravigliose installazioni artistiche e quelle dei laboratori artistici. Vogliamo avvicinare  a questo mondo non solo gli specialisti dell'architettura e del design che già ne sono interpreti e fruitori, ma soprattutto il grande pubblico – ha detto Silvia Nerbi direttore artistico,  illustrando dettagliatamente l'evento – puntando sulla bellezza che ha un linguaggio universale che noi vogliamo rendere evidente agli occhi del visitatore valorizzando, in questo processo di percezione e comunicazione, anche il nostro Territorio e la sua storia".

Per Carrara Marble Weeks è stato studiato anche  un calendario di spettacoli che accompagneranno il visitatore lungo i percorsi dedicati all'arte, all'architettura e al design.

Fin dal 18 giugno (inaugurazione alle 21.30) Carrara Marble Weeks presenterà proposte che richiameranno appassionati e curiosi come Carrara design Factory, (Via Loris Giorgi) con "Marmo svelato...o meraviglia rivelata" una collezione di oggetti di design creati utilizzando alcuni dei marmi più belli.

Luciano Massari, scultore e operatore culturale, curerà due mostre: "Diluvio" Nunzio (allestita nella Chiesa delle Lacrime) e "Crystal Time" Marco Milia (ospitata nell'aula Magna dell'ex convitto Vittorino da Feltre, via Verdi).

Benny Posca, artista concettuale conosciuto come Bypos, presenta "Daedalus brain", opera del ciclo "New brains" sul tema della libertà di pensiero, rappresentata dalla mente alata di Dedalo, personaggio controverso e geniale che ha sempre stimolato storici e artisti.

Fra i partecipanti più conosciuti Giuliano Tomaino, l'artista ligure che è stato chiamato per decorare il viale Decumano dell'EXPO, ma anche Donia Maaoui, scultrice di  particolarissime figure femminili in bronzo e gesso, con lavori che saranno esposti al piano terreno del Paretra nella via Beccheria

Sarà presente a Carrara anche Michel Boucquillon, architetto di fama mondiale che propone il suo progetto "Bague light table" un unico pezzo di marmo bianco, pensato e lavorato per uso esterno. Boucquillon ha realizzato il tavolo "bague" collocato come una grande lampada sopra una base conica in legno di oltre tre metri.  La scultura sarà collocata in piazza  Gramsci sul lato di via Roma.

Andrea Salvetti scultore e designer lucchese che realizza opere usando molti materiali e tecnologie diverse, proporrà in piazza d'Armi Macrocip, una scultura in acciaio inox e Met Devoti "Digitally-Days The Movie.

Stonecycle, il brand creato da un designer e due imprenditori (in via Ulivi) partecipa con "5 Senses Marble Design Collection" per scoprire, attraverso il marmo, le 5 percezioni dell'uomo: vista, udito, olfatto, gusto e tatto.

Nel corso dell'estate Carrara ospiterà anche:

- Canova e i maestri del marmo. La scuola carrarese all'Ermitage. Mostra di scultura a Palazzo Cucchiari organizzata dalla Fondazione Giorgio Conti con la collaborazione del Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo e del Comune di Carrara (dal 13 giugno al 4 ottobre);

- Pittura fra Toscana e Liguria nel Seicento  (dal 3 al 31 luglio) a Palazzo Binelli; 22 Capolavori messi a disposizione da Istituti e Fondazioni Bancarie Italiane) con opere, fra gli altri, di Van Dijk, Bernardo Strozzi, Giovacchino  Assereto, Grechetto, Pietro Paolini, Rutilio Manetti e  Bernardino Mei. A cura della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara;

- Carrara, Cárdenas e la Negritudine (dal 10 luglio al 13 settembre) con opere collocate anche in Galleria Duomo e CAP (Centro Arti Plastiche) Una grande mostra antologica in omaggio ad Agustin Cárdenas; sculture in marmo, in legno, bronzo, gesso e disegni inediti.

- 1 – 31 luglio; Forum Nazionale di scultura contemporanea in collaborazione con gli Studi Nicoli, Club Unesco "Carrara dei marmi" Studi Nicoli - Piazza XXVII Aprile;

Michelangelo Pistoletto "Rebirth Stone" Studi Nicoli - Piazza XXVII Aprile;

-dal 3 al 5 luglio Vivere il Marmo, eventi e convegni legati ai temi del design - Scuola del Marmo Pietro Tacca; a cura di Decio G.R. Carugati; dalle 18 alle 24.

Carrara Marble Weeks è promossa dal Comune di Carrara con Camera di Commercio e Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara ed è organizzata da IMM/CarraraFiere con il contributo di AMIA ed ERP.

Anche quest'anno fanno parte del progetto alcune delle più note realtà produttive nel campo dell'arredo e del design: Martinelli Luce, Poltrona Frau, Vitra.

Inaugurazione il 18 giugno alle ore 21:30 palco della Musica Piazza d'Armi.