La barbottina

14. 11. 20
posted by: Damiano Calgaro
Visite: 1813

Premesso che l'uso della barbottina non è necessario durante la prima fase di modellazione ossia finchè l'argilla mantiene ancora una buona duttilità, il suo uso si rende necessario già nella fase di "durezza cuoio" per unire tra loro elementi di una stessa opera modellati a parte o divisi tra loro per procedere alla fase della svuotatura.
La barbottina è una sospensione abbastanza densa di impasti (generalmente polveri di impasto) in acqua ed ha principalmente la funzione di legante ma può essere usata anche per colaggio su stampi in gesso o come sovradecoro.
Se i pezzi da unire sono ad un avanzato stato di durezza, è necessario anche effettuare delle zigrinature nelle superfici da unire in modo da fornire maggior superficie ancorante; se addirittura, per qualsiasi motivo, i nostri pezzi fosserò già completamente asciutti, sarà utile mantenerli bagnati per 20 minuti con uno straccio umido di acqua e un po' di acido (vanno benissimo anche poche gocce di aceto).
La preparazione della barbottina è abbastanza semplice, basta sciogliere in un po' d'acqua dell'argilla precedentemente essiccata e polverizzata e mescolare bene fino ad ottenere un impasto fluido ma di buona densità.
Nel caso avessimo bisogno di una barbottina di particolare densità possiamo prepararne un po' utilizzando la "ricetta" per il colaggio: oltre all'acqua e all'argilla in polvere aggiungiamo anche una piccola dose di elettroliti (generalmente silicato di sodio o carbonato di sodio); la funzione degli elettroliti in questo impasto è quella di aumentare la quantità d'acqua nella sospensione (sviluppando l'ossidrile OH) e di aumentare l'azione di repulsione tra molecole (e quindi il potere sospensivo) liberando ioni negativi.

La barbottina può essere inoltre utilizzata per creare sul manufatto di impasto differente la famosa "pelle": uno strato superficiale di copertura (totale o parziale) di 0.5 mm per ottenere affetti particolari di decoro o variazioni cromatiche in cottura (è possibile preparare la barbottina da "pelle" aggiungendo ossidi, pigmenti e smalti)